Passa ai contenuti principali

Teoria: Cinematica in generale

Meccanica

  • Studio dei corpi 
  • Descrizione dei fenomeni (cinematica ) e delle cause ( dinamica ) 

La cinematica classica si occupa di descrivere il moto dei corpi indipendentemente dalle cause che lo inducono con il limite di validità che è la velocità. Verso la metà del ‘900, Albert Einstein scoprì che la cinematica classica non è più valida per i corpi che si muovono con velocità approssimata a quella della luce, molto grezzamente definita come $3*10^8 m/s$.

Per comodità nella risoluzione di problemi (che è il punto principale di questo sito), gli oggetti vengono considerati come punti materiali. Questo permette di definire nel modo più facile alcune grandezze meccaniche fondamentali. Vedendo tutto ciò da un punto di vista realistico è molto difficile trovare un corpo esteso che si muove come un punto materiale. Inoltre le dimensioni dei corpi in esame sono molto piccole rispetto agli spazi percorsi.

Il moto di un punto è determinabile se è nota la sua posizione nello spazio in funzione del tempo. 

Le quattro grandezze fisiche che descrivono il moto di un punto sono:
  • Spostamento [$m$]
  • Velocità [$m/s$]
  • Accelerazione [$m/s^2$]
  • Tempo [$s$]

É fondamentale la scelta del sistema di riferimento. Non esiste un sistema di riferimento assoluto, esso cambierà a seconda del problema.

Esempio:  se prendessimo la Terra come sistema di riferimento, per la Terra, i passeggeri di un bus (se rimangono fermi) eseguono lo stesso movimento del bus; mentre se prendessimo il bus come sistema di riferimento, i passeggeri se rimangono fermi sono a riposo.


Di solito il sistema di riferimento è un piano cartesiano ortogonale a 2 o 3 dimensioni. Da ciò si deduce che il moto di un corpo è noto se sono note le sue coordinate in funzione del tempo ad esempio $x(t)$ e $y(t)$ ( con un piano cartesiano a due dimensioni ).

Ora elencheremo un paio di definizioni importanti da ricordare:

  • traiettoria: insieme dei punti successivamente occupati dal punto in movimento, costituendo una curva nello spazio
Lo studio della variazione di posizione lungo la traiettoria nel tempo porta a definire il concetto di $velocità$, mentre lo studio delle variazioni di velocità con il tempo introduce il concetto di $accelerazione$

  • quiete: le coordinate dl punto restano costanti quindi la velocità e l’accelerazione sono nulle (assenza di moto) 


Commenti

Post popolari in questo blog

Motoscafo in presenza di forze esterne

Un motoscafo deve raggiungere un isolotto che si trova esattamente a nord rispetto alla sua posizione. La corrente esercita una forza verso est di intensità $25 N$. La spinta del motore raggiunge l'intensità di $50 N$ - Quale rotta deve tenere per raggiungere la meta? - Quanto vale la proiezione lungo la dirazione sud-nord della forza risultante?  Il motoscafo deve raggiungere un'isola nord, ma viene deviato da una forza verso est, quindi dovrà usare la forza del motore per neutralizzare questa forza, ipotizzando di avere un sistema di riferimento cartesiano con le x positive verso est, dovrà opporre una forza $\vec{F_x}=-25N \cdot \hat{x}$. Dovremo quindi calcolare la componente $\vec{F_y}$ in modo che il modulo della forza totale raggiunta dal motore raggiunga i $50 N$. Il modulo di un vettore formato da due componenti, una verticale ed una orizzontale è dato da $F=\sqrt{F_x^2+F_y^2}$, risolvendo otteniamo che $\sqrt{(-25 N)^2+F_y^2}=50 N$, quindi $F_y= \sqrt{2500-625}

Elettrone all'interno di un condensatore piano

Un elettrone inizialmente fermo è lasciato libero sulla lamina negativa all'interno di un condensatore piano. La carica per unità di superficie su ciascuna lamina è $\sigma=1.8 \cdot 10^{-7} C/m^2$ e le due lamine distano $1.5 \times 10^{-2}m.$ Qual è la velocità dell'elettrone un istante prima di raggiungere la lamina positiva? Con la cinematica Sappiamo per che all'interno di un condensatore il campo elettrico $E$ è è dato dalla formula $E=\frac{\sigma}{\epsilon_0}$ . Ricordando la definizione di campo elettrico, sull'elettrone agirà una forza $F=E\cdot q$, ma varrà anche $F=ma$, quindi $E\cdot q=ma$, cioè $a=\frac{E\cdot q}{m}=\frac{\sigma q}{m \epsilon_0}=$ $\frac{1,8 \times 10^{-7} \times 1,602 \times 10^{-19}}{8,85 \times 10^{-12} \cdot 9,1 \times 10^{-31}} m/s^2$  Cioè $a=3.6 \times 10^{15} m/s^2$. Ora che sappiamo l'accelerazione dell'elettrone, possiamo rispolverare una formula di cinematica: $s=\frac{V_f^2-V_i^2}{2a}$, e sapendo che $V_i=0 m/s$ dat

Densità di carica e campo elettrico di due lastre metalliche

Due lastre metalliche di area 270 $cm^2$ hanno rispettivamente una carica +27$pC$ e -27$pC$. Le lastre sono separate da una distanza di 10 $mm$. Calcola: - La densità di carica sulle lastre; - L'intensità di campo elettrico tra le lastre; La densità di carica $\sigma$ (sigma) è data da $\sigma=\frac{Q}{A}$, quindi il primo punto può essere risolto nel seguente modo: $\sigma=\frac{27 \cdot 10^{-12}C}{270\cdot 10^{-4}m^2}=1\cdot 10^{-9}C/m^2=1 nC/m^2$. Le due lastre così posizionate costituiscono un condensatore: all'interno di esso l'intensità del campo elettrico ($E$) è data da: $E=\frac{\sigma}{\varepsilon_0}=\frac{10^{-9}C/m^2}{8.86 \cdot 10^{-12}C^2\cdot N^{-1}\cdot m^{-2}}=113 N/C$ Es. 51 cap. 15 I problemi della fisica 2, Cutnell